Rimozione di talpe e piccoli cambiamenti della pelle

Cos’è la rimozione della talpa?

La rimozione di talpe e altri cambiamenti nella pelle viene solitamente eseguita per motivi estetici, ma anche quando si verificano lesioni, causando cambiamenti di colore, dimensioni e forma, che possono essere seguiti da dolore, prurito e / o sanguinamento. La maggior parte delle talpe e i cambiamenti della pelle sono benigni, ma in alcuni casi si tratta di tumori che devono essere rimossi chirurgicamente e quindi prevenire ulteriori rischi per la salute. Se fatto in una fase precoce, è possibile rimuovere completamente tutte le cellule cancerogene, con poche possibilità di ricorrenza. Il parere del medico deve essere richiesto anche da tutte le persone che, durante l’autopalpazione, notano che la talpa sta crescendo, ha contorni vaghi o cambia colore, indipendentemente da possibili lesioni meccaniche.

La rimozione della talpa si verifica spesso quando si trovano in luoghi soggetti a lesioni, ad esempio sul bordo della biancheria intima.

 

Preparazione del paziente

Entro un mese prima dell’orario programmato dell’intervento, è necessario eseguire test diagnostici secondo la consultazione con il medico su una schermata di consultazione, in cui è necessario menzionare i farmaci che possono essere utilizzati in modo continuo. Prima dell’intervento chirurgico, sarà necessario esaminare con il dermatoscopio, che mostrerà quali talpe sono necessarie per rimuovere. Si consiglia di effettuare questa revisione una volta all’anno e nelle persone il cui rischio di sviluppare melanoma è maggiore e più frequente. A causa del rischio di emorragia ed ematoma, si raccomanda di evitare i farmaci che influenzano la coagulazione del sangue e almeno 10 giorni prima dell’intervento, si consiglia di smettere di fumare.

Il giorno della procedura, si consiglia di utilizzare un normale sapone o gel doccia invece di preparati idratanti.

La procedura

La rimozione della talpa e altri cambiamenti della pelle viene eseguita in anestesia locale. In altre parole, il paziente è sveglio e contattabile durante l’intera procedura. Oltre alla superficie della talpa, il tessuto inferiore della pelle viene rimosso e il tessuto rimosso viene quindi inviato all’analisi patoistologica. Ciò fornirà al paziente informazioni specifiche sui possibili segni della malattia. Il corso della procedura e la sua complessità dipenderanno in gran parte da una serie di fattori, specialmente se la talpa viene rimossa dal viso. Le caratteristiche anatomiche, lo spessore della pelle, i possibili peli e la posizione in cui si trova la talpa sono solo una parte della specificità che influenzerà la procedura. Un ruolo importante nella prevenzione delle cicatrici visibili e della pigmentazione indesiderata avrà l’esperienza di un medico che esegue la procedura. L’operazione termina con la cucitura della ferita nel caso di una piccola talpa, o trapiantando la pelle o applicando gli arti laterali nel caso di una talpa più grande.

Processo di recupero e suggerimenti utili

Nei giorni immediatamente successivi all’operazione, sarà necessario traboccare regolarmente i punti in cui è stata trovata la talpa e, dopo la rimozione del cordone, la cicatrice dovrà, secondo le istruzioni mediche, essere coltivata con speciali preparati dermocosmetici per diversi settimane. Si consiglia di evitare un maggiore sforzo fisico durante il recupero, e in particolare fino alla rimozione dei fili. Il recupero dalla procedura dura circa una settimana, ma si consiglia di evitare a lungo l’esposizione diretta alla luce solare o ai raggi UV.