Rimozione del tatuaggio laser

Cos’è la rimozione del tatuaggio laser?

Secondo alcune stime, fino alla metà delle persone che hanno deciso di tatuarsi durante la vita cambieranno idea e vorranno rimuovere il tatuaggio. Il trattamento laser non danneggia la pelle e non lascia cicatrici, rompendo le particelle di inchiostro all’interno della pelle. Quindi le particelle rotte dipinte attraverso il sistema linfatico vengono assorbite e rimosse dal corpo.

I migliori candidati per la rimozione del tatuaggio laser sono le persone con un colore della pelle più chiaro, poiché esiste il pericolo di un cambiamento della pelle più scura dopo il trattamento, il cosiddetto. discromie. In questi casi, sarà richiesto un numero maggiore di trattamenti per rimuovere il tatuaggio senza lasciare tracce sulla pelle.

Inoltre, va notato che il successo della procedura per molti aspetti dipende dal colore del tatuaggio stesso e dal modo in cui viene prodotto. Di norma, il più difficile è la rimozione di nuovi tatuaggi, tatuaggi instancabili e tatuaggi in più chiari colori verde o blu e turchese. I tatuaggi neri e rossi sono i più facili da rimuovere e i tatuaggi in tonalità più scure.

Alla luce dei colori verde, azzurro o turchese, a volte sono necessari più trattamenti per ottenere l’effetto desiderato.

 

Preparazione del paziente

Nel Policlinico Superiora viene condotta una consultazione che fornirà al paziente informazioni sul numero totale di trattamenti necessari per la rimozione del tatuaggio laser. A seconda dell’area in cui esiste il tatuaggio, prima di ogni trattamento sarà necessario rimuovere il trucco, deodorante o antitraspirante e / o radere l’area del tatuaggio. Alcune settimane prima si consiglia di evitare di prendere il sole a lungo termine e di rimanere nel solarium.

La procedura

La rimozione del tatuaggio laser funziona secondo il principio degli impulsi di luce, cioè un raggio laser che rompe e disperde le particelle di inchiostro all’interno della pelle. Quindi le particelle rotte vengono quindi trattate dal corpo attraverso il sistema linfatico, che richiede da due settimane a diversi mesi. La procedura non provoca più dolore e la sensazione ricorda di pungere. A seconda della qualità del tatuaggio, del colore della pelle e del colore dei tatuaggi stessi, a volte sarà necessario un numero maggiore di trattamenti per ottenere i risultati desiderati.

Processo di recupero e suggerimenti utili

Immediatamente dopo la procedura, possono comparire arrossamenti e la pelle può essere calda al tatto. Alcune ore dopo è possibile apparire e una piccola crosta nell’area trattata, ma vengono ritirati diversi giorni dopo il trattamento.

È importante non toccare la crosta (e non rimuoverla), seguire attentamente le istruzioni del medico e utilizzare i dermocosmetici prescritti. Almeno un mese dopo il trattamento, è meglio usare la crema più sicura con il fattore più elevato rimanendo alla luce diretta del sole ed evitando di prendere il sole prolungato.

È possibile che compaia una traccia di pelle più chiara o più scura (iperpigmentazione), ma è un fenomeno che si verifica comunemente.